Pagine

martedì 20 marzo 2012


In Italia si buttano nella spazzatura 20 milioni di tonnellate di cibo , questo sarebbe abbastanza per sfamare milioni di persone. Assistiamo al paradosso , mentre molti muoiono di fame altri soffrono del male del nostro secolo: l’obesità. Il troppo cibo spazzatura ingerito, gli eccessi e gli stravizzi fanno solo ammalare gravemente il nostro corpo.
E’ finalmente nato il “last minute market” (recupero cibo e prodotti invenduti); la LMM è una società volta al recupero dei beni invenduti (o non commercializzabili) a favore di enti caritativi tramite un sistema di donazione e ritiro .
La sua formula è : “meno SPReco, più ECOlogia uguale a SUFFICIENZA” , il tutto atto a contribuire la riduzione dello spreco in tutte le sue forme anche dei prodotti definiti “freschissimi” e dei medicinali (“. Il servizio consente di raccogliere e riutilizzare i medicinali non scaduti provenienti dalle donazioni di privati cittadini, di ambulatori e strutture ospedaliere a favore degli Enti no profit)
Dobbiamo cercare di sprecare meno, purtroppo viviamo in una società dove impera il consumismo, non dico che bisogna eliminarlo ma cercare di non alimentarlo. Impariamo a ridurre i nostri consumi, limitiamo i nostri acquisti al necessario, alla sufficienza e cerchiamo di intervenire sui modelli di consumo che ci impone la società dell’usa e getta.
IN PRIMIS Il frigo; è in questo luogo che giacciono e spesso marciscono i nostri acquisti, vi siete chiesti il motivo? Forse la colpa è delle offerte speciali, delle nostre compere abbondanti, cerchiamo di pensare alle nostre esigenze prima di mettere gli alimenti nel carrello.


Nessun commento:

Posta un commento

LinkWhitin

x